I segreti della Diplomazia passano per Firenze e Roma

Posted on novembre 6, 2011

0


Articolo scritto per Fuori le Mura il 3/10/2011 e consultabile anche qui

La locandina dell'evento

L’idea geniale è stata quella di connubiare una materia difficile e spesso considerata oscura con la volontà della ricerca del grande pubblico. Diplomacy, seconda edizione del Festival della Diplomaziache si terrà a Firenze e Roma dal 7 al 14 ottobre, parte da questa idea per cercare di offrire a studiosi, studenti e semplici appassionati un momento di riflessione sulle tematiche riguardanti il mondo spesso segreto delle relazioni internazionali. La manifestazione, che presenta il significativo e quanto mai attuale titolo de La diplomazia oltre Wikileaks, si snoderà lungo 30 eventi, raccogliendo oltre 80 relatori e svolgendosi in 25 differenti location delle due città. Il progetto è stato realizzato in collaborazione e con il patrocinio, tra gli altri, dei Comuni di Roma e Firenze e del Ministero degli Affari.

Nella Sala Saraceno della Farnesina è stata svolta mercoledì scorso la conferenza stampa di presentazione. Nel corso della stessa il Ministro Maurizio Massari, capo dell’Ufficio Stampa del MAE, ha sottolineato come la manifestazione rappresenti una grande possibilità per avvicinare la società civile alla politica estera, garantendo ai diplomatici di confrontarsi coi cittadini al fine di rendere la materia non una semplice idea astratta, ma un vero e proprio valore vicino e non lontano dalla gente comune. Il presidente del comitato organizzatore, Aurelio Regina, ha invece messo in luce come la scelta delle due città, capitali passata e presente del nostro paese, sia simbolicamente significativa nell’anniversario dei 150 anni dell’unità d’Italia. La conferenza è stata anche il momento per l’ideatore del Festival, il segretario generale Giorgio Bartolomucci, per ringraziare le associazioni che stanno contribuendo per la buona riuscita della rassegna.

"La diplomazia oltre Wikileaks" è il titolo scelto per il Festival

La descrizione degli eventi principali è stata affidata a Pino Buongiorno, direttore scientifico del Festival.  Tra i più interessanti come non citare Donne, diplomazia e conflittiprogrammato per il 10 ottobre alla Sapienza, dove si parlerà del ruolo decisivo delle stesse nelle zone di guerra e nell’ambito delle relazioni internazionali, con il contributo di HeidiTagliavini e Mary Sibusisiwe Mubi, rispettivamente diplomatica svizzera e ambasciatrice dello Zimbabwe in Italia.
Di grande attualità l’incontro La Diplomazia in tempi di Internet: come la rete e i Social Network stanno influendo nella nuova Primavera araba, in programma sempre il 10 ottobre all’Università di  Roma Tre, per analizzare come i social network e il Web hanno influito in maniera determinante per le rivolte del mediterraneo, grazie al confronto tra studiosi ed esperti di social media.
Se invece siete appassionati di Sport la scelta migliore è La Diplomazia dello Sport : in che modo le relazioni diplomatiche hanno condizionato eventi come le Olimpiadi? A presenziare l’evento, in cui non mancherà una discussione sulla candidatira di Roma ai giochi olimpici del 2020, vi sarà anche il sindaco Gianni Alemanno.
A Firenze si svolgeranno invece eventi dedicati alla E-diplomacy, al terrorismo e al narcotraffico internazionale. Il Festival sarà inoltre accompagnato dall’inaugurazione di un’esclusiva mostra con materiale fotografico tratto dagli archivi dell’ANSA .

Impossibile citare tutte le sezioni. Ma per i curiosi il programma completo c’è e si trova proprio qui. Siete pronti per tuffarvi tra i nuovi Metternich?

Annunci
Posted in: Articoli, Attualità